Cap 4 La visita del Vescovo sorano Agostino Colaianni - Madonna delle Grazie Sora

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cap 4 La visita del Vescovo sorano Agostino Colaianni

Storia



LA VISITA DEL VESCOVO SORANO AGOSTINO COLAIANNI


Anche se la relazione lasciataci sulla Visita Pastorale del vescovo Agostino Colaianni (1797-1814) non abbondi di particolari, ha il merito di non aver dimenticato non solo la chiesa della Madonna delle Grazie, ma anche tutte le Chiese Rurali esistenti al principio del secolo passato nel territorio di Sora.

Il 20 aprile, dunque, del 1804, fu visitata la chiesa rurale (riporto quasi alla lettera le parole della relazione, tradotta da me dal latino) S.Mariae Gratiarum, detta della Madonna delle Grazie, situata sul monte e non lontana dalla chiesa di Sant'Antonio Abate.

La chiesa della Madonna delle Grazie, prosegue la relazione, guarda a mezzogiorno e a occidente.

Nel documento del 1804 si ricordano sempre i tre altari tradizionali: Altare Maggiore, altare del Monte Carmelo e altare di S. Gerardo.

Dopo la visita, fu ordinato dal Colaianni che il fronte dell'altare di S. Maria del Carmelo fosse dipinto oppure fosse provvisto di un pallio di ogni colore. Il Confessionale aveva bisogno della porta onde tenervi lontani i secolari.

Si accenna anche in questa visita all'abitazione dell'eremita.

I decreti vescovili emanati in occasione della Visita Pastorale di Agostino Colaianni dovevano essere eseguiti dentro tre mesi. (1)

(1) Archivio Vescovile di Sora - Visite Pastorali di Mons. Agostino Colaianni del 1804. Nella relazione si accenna alla chiesa di S. Antonio Abate, perché il Colaianni, aveva, nello stesso giorno, visitata la chiesetta di S. Antonio Abate, prima di salire alla chiesa della Madonna delle Grazie. La chiesa di S. Antonio Abate, restaurata in questi ultimi mesi, è stata benedetta dal vescovo Carlo Minchiatti il 17 gennaio di quest'anno 1976.

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu Flag Counter