Cap 13 Due sonetti in dialetto sorano del poeta dialettale Francesco Biancale - Madonna delle Grazie Sora

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cap 13 Due sonetti in dialetto sorano del poeta dialettale Francesco Biancale

Storia



DUE SONETTI IN DIALETTO SORANO DEL POETA DIALETTALE FRANCESCO BIANCALE


Anche perché resti in modo particolare la memoria di Mons. Virginio Bruni che fu innamorato della Chiesa della Madonna delle Grazie e di S. Casto, penso di far piacere ai lettori col riportare in questo studio storico due bellissimi sonetti in dialetto sorano, scritti in occasione del Mese Mariano dal poeta Dott. Francesco Biancale e dedicati a don Virginio Bruni, un sacerdote piccolo di statura ma grande di mente e di cuore.

I' MESE MARIANE ALLA MAO'NNA `E LLA `RAZZIA

a don Virginio Bruni


E' l'alba. Uide 'e sàglie 'una culonna
De gente a passe, a passe. E' jurne chiare
La campanella sona a tòcche e a stònna.
S'èu abbiate tutte: a pare, a pare.

Mattina 'e Magge a Sora! E Tu, Maònna,
Tu je pò fà' 'ste meràcule rare.
L'aria, frésca, che mòue f'rònn'a frònna,
Saglie pur'essa affine a chisse Aldare.

Tutta la méglie geuntù serana
S'è abbiàta aglie accénne 'e 'nna campana
E `n core porta Amore Spranza e Fede.

Fede per' Te', Maònna, ca Te crede;
Amore per' chi porta strette 'mmane
Tutte l'albe: 'e sse Mese Mariane.

Che prèdeca, che Messa che fenzione
Sa fa 'ne Prète ciche, bone e sante;
Te beneìce la pepelazione,
'ssa geuntù fierita a ll'Ore Sante.

Sfolla la Chiésia. Arrète a 'nne cantone
Sola resta a prejà Marcella, 'nnante
La Cona: « Maònna chiglie 'uaglione
M'è 'itte ca me sposa -Ferdenante! -».

I' meràcule è fatte! Mò la gente
Tutta cuntenta cala le scalette
E `uarda a terra le bellezze `e Sora;

`Sta Sora, comm'a sposa, tutt'amore,
te uò bene, Maònna, e te premette
de recorre a`sse Trone solamente.

Maggio 1930 Francesco Biancale



ALLA MAONNA `ELLA RAZZIA


`Ncima alla Chiesetta Tia si tornata,
da mille e mille fiammelle acchempagnata,
da mille e mille stelle `nciele appese,
fiammelle e stelle tutte quante accese.
Tra preci, canti e tante Ave Maria,
oppè ddù iorne si tornata alla casa Tia.
O Mamma! O Mamma! O Mamma nostra!
Massera acchempagnaci Tu a casa nostra.

31-maggio-1998 Nicola Tersigni




LA CAMPANELLA E LA LECETTA


Ogni sabbate mattina a bonora,
sa Campanella rueglia tutta Sora.
E' la Campanella della Chiesetta Tia,
Maonna `ella Razzia, Maonna Mia.
Sa Campanella, dai sorani, è tante amata,
per i Din-Don- 'Dan che spanne per tutta la uallata.
Se Din-Don- 'Dan so comme a nà bella uoce,
che recreia anema e core doce doce.
E ogni sera 'ncima a sa Chiesetta,
s'appiccia fioca-fioca una Lecetta,
da tutta la uallata s'ndravede,
e dà una speranzella a chi tè fede.

Maggio 1999 Nicola Tersigni






PREJERA ALLA MADONNA


Oh Maria, nostra Segnora!
Mamma Santa, te prèje tante,
so' `ne pore peccatore,
mitteme sotte a 'sse mante.

Che la Fede e che j'amore,
te chiede de starme attecchià:
la fiamma de 'ste còre,
fa che arde per' te prejà.

T'offre 'ste roscie rose:
da j'addore mattetine,
de maggie, le cchiù adderose,
so' chelle che le spine.

Famme sempre senti' j' amore,
che rechiama la speranza,
la Fede de 'ste còre,
me reueglia la cuscenza.

Je sone ella campana:
me 'nzegna quant'è sera,
che je segne della Croce,
l'ora Santa 'ella prejera.

Uoce Santa mattetina,
de je mese Mariane,
me te porte alla collina,
che i sone `elle campane.

Famme sentì cchiù fòrte,
a `sta uita trauagliata,
e quant'è jorne `ella mòrte,
fa che st'alma è preparata.

per' 'ncuntrarte Oh Maria!,
aie regne della pace,
uemme 'ncontre per' la uia,
quant'i 'nterra, stise giace.

Rocco Tollis






LE CAMPANE DELLA MADONNA DELLE GRAZIE


Madonna delle Grazie,
dall'alto del tuo monte
guardi
benedicente
alla popolazione tutta della valle,
dal presepe di Cancéglie e di Pianello
fino in fondo a San Domenico e Carnello.

Tutti guidi e proteggi
e non dimentichi
chi, poverino, è sparso per il mondo.
Tutti mantieni
stretti stretti sotto il tuo mantello.
A Te guarda ogni anima sorana;
a Te pensa chi ti sta più vicino
e ti è corona
nell'atmosfera unica di maggio...
A Te si raccomanda
il figlio ch'è lontano,
che ti rivede
ormai solo con gli occhi della mente
e ricorda... .rivive
tutte le volte che fece la salita....
un passo.. .una preghiera,
(A DESTRA) un gradino....
e il pensiero volava fino a Te,
fino alle porte della tua Casa Santa.

Quest'anno,
nella pia devozione del tuo mese,
han messo per Te nuove campane
e tutti chiami,
a tutti parli con voce rinnovata
che il vento trascina
lontano... .agli antipodi del mondo,
per un invito
che più forte rende,
più vivo,
l'Amore fedele dei Sorani
per la Mamma Celeste delle Grazie...
e per quanto si trovino lontani
alla tua Casa ripensano,
al tuo monte
e con Te uniti
stretti tutti insieme
si ritrovano in un'unica preghiera.

Maggio 2001 Michele Bilancetti

 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu Flag Counter